giovedì, novembre 18

FAQ Guinnes Chocolate Cake e piccola storiella

 

crumb2 copiaf

crumb3 copiaf

crum copiaf 

bhé, la torta è veramente, veramente, VERAMENTE buona.

 

-Non sa di birra (almeno, a me non sembra)

-non sa di salato

-è una torta cioccolatosissima, e umida, –> la mollica è “pesante” (nel senso, non pensate neanche lontanamente a una torta paradiso), compatta, ma è perfetta così, per me, perché le torte “secche” non mi piacciono per niente

-non so se si possa usare birra normale, secondo me il risultato non sarebbe lo stesso, ma voi provate e fate da cavie!

non so la copertura di formaggio, ma assicuro che la ganache ci sta divinamente (fatene un bello strato, se non sui lati, almeno sopra!), lasciate la torta 15 minuti a temperatura ambiente per gustarla al meglio

 

secondo me può essere un’ottima alternativa per un pds al cioccolato o… per una simil-sacher

***

Storia di una birra… e di una bambina

 

C’era una volta una bambina. Aveva 5 o 6 anni, le fonti non sono precise in merito.

Questa bambina aveva preso l’abitudine, di tanto in tanto, di bere un goccino di birra, con la pizza, principalmente, come facevano i genitori, i quali la lasciavano fare. Tanto un goccino di birra… male non le fa.

Una mattina, la bambina, svegliatasi assetata nella casa silenziosa, si diresse verso il frigo, lo aprì, e scrutò in cerca di qualcosa di gustoso con cui dissetarsi. Lì, nella parte interna dello sportello del frigo, stava una bottiglia di birra aperta, forse, la sera prima, e rimasta quasi svuotata. Un sorsetto, massimo due. Quindi, la manina afferrò la bottiglia, e la bimba iniziò a bere.

Un minuto dopo la bimba urlante, tutta bagnata, dopo aver sputato fuori il liquido appena messo in bocca, e i genitori accorsi in cucina preoccupati.

La “gustosa birra”, o presunta tale, era in realtà schifoso olio usato per la frittura la sera prima, e conservato, visto che quasi nuovo, nel frigo per una frittura successiva.

 

Bhé, l’olio fritto era, di per se stesso, alquanto innocuo, e i genitori si fecero una grossa risata. Ma la bambina, per sua scelta, non toccò mai più un goccio di birra. Se ripensa a quella mattina, ancora oggi risente in bocca il sapore schifoso di olio fritto…

 

 

Ndr: i miei sono stati e continuano ad essere genitori fantastici… severi, in tante, tante cose, a volte poco permissivi, a volte accomodanti, ma e un giorno spero di essere in grado di educare i miei figli esattamente come loro hanno educato me…

per cui, non “scandalizzatevi” se mi hanno lasciato bere un po’ di birra, da piccola :D ;) ora la uso solo per cucinare :P

8 commenti:

Enza ha detto...

io sinceramente pensavo che t'eri presa una bella sbornia!!!
non oso immaginare il pessimo sapore di olio...
cmq io non mi sono scandalizzata: mio padre mi lasciava assaggiare il suo vino da piccola... e lo stesso ha fatto con mio figlio... ;-))
la torta sembra una vera bomba... ricetta segnata e da provare al più presto!!!

piccoLINA ha detto...

Ha un aspetto favoloso!!!!
E non mi scandalizzo assolutamente del tuo racconto, trovo che niente faccia male nelle giuste misure e infatti anche i miei bimbi, occasionalmente, un goccini-ino-ino di birra lo assaggiano!
Ecchessara'mai!!!!!!
Bella ricetta!
A presto
PAola

Alice ha detto...

ihihihihihih che carina la storiella :)

elenuccia ha detto...

Non mi scandalizzo di sicuro perchè i tuoi ti facevano sentire la birra. La mia famiglia è di origini contadine, in cui un bicchiere di vino fa buon sangue ;)

Serena, tu ci vuoi far morire di infarto con queste foto!!!

Ely ha detto...

io non mi scandalizzo di nulla!!! con tre figli in casa ti assicuro che tutto è possibile! ma sai che è la quarta ricetta oggi che trovo con la birrà? che coincidenza!!!! splendida questa torta e la proverò perchè la birra anche a noi piace molto
ciao Ely

Micaela ha detto...

favolosa questa torta... un bacione.

Your Noise ha detto...

Un altro abbinamento birra-ricetta dolce... anche questo m'ispira non poco! Ho un fratello cultore di Guinness e affini, che dici, provo a fargliela? ;)
Grazie della ricetta,
A.

Barbara ha detto...

Che storia! Dev'essere schifoso bere l'olio... blaaa! :o(

A me concedevano di bagnare le labbra nel bicchierino di VOV.
Ogni tanto, dai 10 anni in su, ne bevevo un sorino di nascosto... troppo buono!
Non ho mai preso il vizio, anzi bevo raramente vino e alcolici.