giovedì, maggio 30

Se i miei ricettari potessero parlare…

 

me ne direbbero di tutti i colori. Mi direbbero “ma cosa le hai stampate a fare tutte ste ricette, per fargli fare la muffa??”. E avrebbero ragione. In tanti anni ho stampato tante ricette, ma tante che non avete un’idea. E poi sono rimaste lì, a prender polvere. Poi, dopo un anno che ho traslocato, ho deciso che era ora di portare i miei raccoglitori di ricette a casa. Mentre li sfogliavo ho scoperto tante ricette dimenticate. Come questa.

freselleblog001

freselleblog003

Freselle

da un foglio stampato tanti tanti anni fa, che poi, cercando, ho capito risalire a questa ricetta

 

Ingredienti:

per 24 freselle (finite)

 

preimpasto:

100 g farina di grano tenero (io ho usato manitoba)

50 ml di acqua (io tiepida) – ne ho usata un po’ di più perché la manitoba assorbe più farina

1 pizzico di zucchero

Impasto:

500 g farina di grano duro

350 ml circa di acqua

1 cucchiaio d’olio

12 g lievito di birra

2 cucchiaini di sale

freselleblog002

Procedimento:

impastare gli ingredienti per il preimpasto, e lasciar lievitare fino al raddoppio;

impastare la farina di grano duro con gli altri ingredienti e il preimpasto, aggiungendo l’acqua gradatamente per ottenere un panetto morbido ma non appiccicoso;

lasciar lievitare in una ciotola, coperto, fino al raddoppio;

dividere in 12 porzioni (circa 80 g l’una), ricavare dei “cordoni” lunghi 30 cm circa, e chiuderli a ciambellina lasciando un foro centrale di 5-6 cm di diametro;

lasciar lievitare fin quasi al raddoppio, e infornare a forno caldo a 180/200°C fino a doratura (circa 20 minuti);

lasciare raffreddare le ciambelle e tagliarle a metà orizzontalmente, quindi rimetterle in forno a biscottare fino a doratura (la ricetta originale dice a 50°C per due ore con forno aperto, io avevo più teglie e ho fatto biscottare a 160°C forno ventilato alternando le teglie, finché non erano dorate).

Lasciar raffreddare.

Si consumano dopo averle passate velocissimamente sotto l’acqua del rubinetto, e condite a piacere con pomodoro e basilico, tonno e verdure, verdure grigliate… ricordandosi di bagnarle davvero poco perché poi si inumidiscono ancora con la verdura che le condirà!

 

   freselleblog005 freselleblog004

La prossima volta sarò un po’ meno generosa col foro centrale… per paura che si chiudesse troppo, forse l’ho fatto troppo largo ;)

4 commenti:

valentine ha detto...

in estate le freselle col pomodoro sono uno dei miei pranzi preferiti :) però non ho mai provato a farle da me, ma queste sembrano così buone che quasi quasi ci provo!

Elisina ha detto...

mamma che buone.... mai dimenticare cose così!!

elenuccia ha detto...

Allora siamo in due con la libreria piena di raccoglitori imploranti attenzione :)
non ho mai fatto le friselle, pensavo fosse molto complicato. Le tue hanno un aspetto molto croccantino, proprio perfette

Serena@TentarNonNuoce ha detto...

ciao Ele, pensavo anche io che fossero complicate! e non so perché!! invece no, serve solo un po' di tempo... ma l'attesa non ci spaventa :) provale!! dai che (forse) l'estate sta iniziando :D